Home

62

4 commenti

62 sono i micro – velieri del periodo napoleonico che ho realizzato in una settimana (e a tempo perso…) seguendo le istruzioni di Andy Callan uscite su Wargames Illustrated #297

Non sono “bellissime”, ma sono simpatiche. E costano poco. Io ci hoinvestito  € 3.70 per la balsa degli scafi e il cartoncino delle vele e mi è avanzato materiale per qualche altro centinaio di pezzi. Certo, all’appello manca il costo delle basette, la vinavil e il colore, ma il budget non si sposta di molto.

 

Quanti sono 62 velieri?

Abbastanza per simulare Trafalgar….

Trafalgar

Trafalgar

Certo i dettagli non sono dei migliori, viste da vicino sono così così, ma sul tavolo fanno un certo effetto.

La flotta Franco-Spagnola attende gli Inglesi

La flotta Franco-Spagnola attende gli Inglesi

 

Ed ecco le flotte al completo: 62 pezzi che stanno su un foglietto A5. Comodo!

Tutta la flotta al completo

Tutta la flotta al completo

12 Marzo 1811

3 commenti

Sono le tre di notte del 12 Marzo 1811 quando la squadra italo francese guidata dal Commodoro Dubordieau viene avvistata dal Capitano Gordon a bordo della HMS Active.

ImageVisto quel che doveva, fa virare di bordo e veleggia verso il resto della squadra inglese. Il giorno dopo quattro fregate inglesi al comando del Capitano Hoste si scontreranno contro la più potente squadra francese.

E qui si interrompe il racconto, perché gli inglesi devo ancora finire di dipingerli.

Intanto qualche altra foto dei francesi:

Image

Sono i primi velieri che dipingo, dopo un disastroso approccio che ho avuto qualche anno fa con prodotti del Navwar. Bisogna dire che i piombi della Langton sono altra cosa. Sono carissimi, ma il risultato è spettacolare anche nel caso, come il mio, in cui gli errori in fase di pittura si sono sprecati.

Image

 

Per metter su le manovre fisse e quelle mobili mi è stata preziosissima la guida pubblicata sempre dalla Langton che contiene molti piccoli trucchi e suggerimenti che semplificano la vita.

Altrettanto utile è stato il bel articolo di Stefano Lumini apparso sul n.51 di Dadi & Piombo

 

 

Ci son voluti due anni, ma li ho finiti!

6 commenti

Tataaaaa! Ci sono voluti due anni, ma alla fine eccoli qui, i miei alpini per flame of war.

Premetto che mi sono preso un po’ di libertà e che ci sono delle ehm… qualcuno le chiama licenze poetiche, qualcun altro scelte dell’ultimo minuto, altri ancora errorucci… per cui non li porterei ad una mostra di modellismo, ma su un tavolo da gioco fanno la loro sporca figura.

Ecco l’esercito al completo:

La compagnia al completo

La lista è tratta dal librone sul fronte russo, ma gli Alpini li ho imbasettati per la Grecia, fronte più consono.

Parliamo del battaglione Tolmezzo dell’ 8° Reggimento della Julia.

I plotoni ve li ho già mostrasti qualche mese fa, ora vi presento i nuovi arrivati, a partire dal Comando di compagnia, completo dell’ Eroe Sconosciuto:

Comando di compagnia e Unknown Hero

Poi il plotone con i mortai da “81”:

Compagnia Mortai da 81/14

e il genio guastatori. Onestamente non ho idea se in Russia o Grecia ci fossero guastatori degli Alpini. Io li ho fatti con le insegne del XXX Battaglione Genio Guastatori Alpino:

XXX Battaglione Guastatori Genio Alpino

Poi i supporti, tutti provenienti dalla Divisione Celere “PADA” Principe Amedeo Duca D’Aosta. Partiamo da una vista d’insieme dell’artiglieria:

Ed in particolare:

I Gruppo Obici 100/17 del 120° Reggimento di Artiglieria Motorizzata con il loro comando:

I Gruppo Obici 100/17

II Gruppo Cannoni da 75/27:

II Gruppo Cannoni 75/27

Ed infine il martello dell’armata: Il II plotone, della II compagnia del LXVII Battaglione Bersaglieri Corazzato L6!

II Plotone, II Compagnia, LXVII Battaglione Bersaglieri Corazzato L6

Finirli per me è stata un’impresa e nonostante non siano perfetti, sono molto orgoglioso di loro.

Ma ora devo affrontare un’ultima grande sfida: dove cavolo li metto???

Devo crescere, accidenti! Devo diventare un adulto! Prometto di non comprare più piombo e di non iniziare un altro progetto prima di aver risolto il problema!

…..

Lissa 1811 🙂

Il Tolmezzo va in Grecia

11 commenti

Questi giorni di brutto tempo mi hanno permesso di fare diversi progressi su un progetto  che ho iniziato quasi due anni fa.

All’epoca assieme ad Alessandro “Callaghan” avevo provato diversi regolamenti sulla seconda guerra mondiale, nessuno dei quali mi aveva particolarmente entusiasmato. Decisi di provare Flames of War e, oltre al regolamento, comprai i due volumoni che trattavano degli italiani, cioé “Eastern Front” e “North Africa”.

Per motivi campanilistico-affettivi ero indeciso se costruire qualcosa relativo alla Divisione Trieste o alla Divisione Julia. Non riuscendo a decidermi ho adottato la soluzione standard che è stata affinata dai wargamers nell’arco di generazioni: ho comprato abbastanza piombo per far portare avanti entrambi i progetti.

Coerentemente con le rigide regole di autocontrollo che mi sono dato negli anni, ho dato il “nero” ai fanti della Trieste, per poi cambiare idea ed iniziare a dipingere gli alpini del battaglione Tolmezzo, 8° reggimento, Divisione Julia.

Il progetto prevedeva il loro impiego sul fronte russo, assieme al XXX Battaglione Guastatori, ad un paio di gruppi d’artiglieria della divisione celere “PADA” e al LXVII Battaglione Bersaglieri Corazzato sempre della stessa divisione.

Dopo due anni, finalmente ecco gli Alpini della  6a, 12a e 72a compagnia del Tolmezzo.

Ovviamente imbasettati per la Grecia!

Image

Il Battaglione Tolmezzo quasi al completo. Mancano ancora i mortai da "81" della 114a compagnia

Image

Il gruppo comando della 12a Compagnia

Elementi della 6a e della 12a

I mortai della 6a Compagnia

Fucilone Solothurn

Fucilone Solothurn

"Brixas"

Sezione con mitragliere