Sono le 7.00 quando Crittenden ordina l’assalto generale a Wayne’s Hill. Le brigate avanzano compatte risalendo il dolce pendio, accolte dal violento fuoco dei Confederati. Ma il coraggio non manca ai nordisti che scambiano volate su volate con i ribelli. Le perdite sono altissime, nella sola prima mezzora assieme a circa 400 dei propri uomini cadono anche Van Cleeve e Wood.
Gli uomini in grigio tengono, incitati dal loro Generale, Breckinridge, finché anche questi non viene raggiunto da un proiettile.

L'attacco di Crittenden

L’attacco di Crittenden

Le artiglierie Confederate riversano fiumi di piombo e la più colpita è la brigata di Harker: il morale degli uomini cede e abbandonando le armi iniziano a scappare verso le retrovie.
Sulla sinistra dell’unione la brigata di Hascall scongiura un’altra crisi. Quasi circondata dai confederati comandati da Adams riesce a respingerli con un fuoco freddo e preciso.

imageDopo un’ora e mezza di inutili attacchi Crittenden decide di togliere le unità dalla linea del fuoco. Quella collina appare imprendibile, ha preteso già 1500 giovani vite, e altrettanti soldati, scossi dall’orrore della battaglia stanno fuggendo verso le retrovie.
L’urlo liberatorio dei ribelli si alza dalla collina, la mietitrice ha preteso la sua parte di raccolto e oltre mille loro commilitoni non rivedranno più le loro famiglie.

L'Unione rinuncia alla collina

L’Unione rinuncia alla collina

Advertisements